Riassunto 1

La Strada e i Cinque Ostaccoli

La strada
disciplina – concentrazione – intuizione (= stadio della purificazione)

Ci si siede con la schiena eretta ma in modo rilassato, senza muoversi, prestando attenzione al salire e scendere dell’addome.

Si cammina con postura eretta ma rilassata, facendo attenzione al movimento del piede, con occhi aperti e sguardo teso all’infinito; facendo una pausa tra un passo e l’altro, con entrambi i piedi ben saldi a terra.

Non pratichiamo un esercizio di respirazione o passeggio, ma un esercizio di attenzione. Utilizzate i metodi del denominare e notare, entrambi con consapevolezza, assumendo poca distanza dall’oggetto. Senza giudizio o volontà di cambiare se stessi.

Ostacoli: 1. desiderio, 2. avversione, 3. irrequietezza, 4. sonnolenza; 5. dubbio.

Trasformazione del compito: Osservare l’oggetto di meditazione primario. Se appare un ‘visitatore’ più importante, allora si passerà alla denominazione o osservazione dell’oggetto e successivamente si ritornerà all’esercizio di base. Se si tratta di un pensiero, lo chiamano ‘pensare’, senza prestare attenzione al contenuto del pensiero. Se si tratta di un suono, lo chiamano ‘sentire’, non lo denominiamo sulla base del contenuto/significato del suono. Per esempio, se una macchina della polizia si avvicina divenendo uno stimolo prominente, allora si osserva ‘udire, udire’, e dato che spesso non possiamo fare a meno di sapere che si tratta di una macchina della polizia, diciamo ‘pensare’, e torniamo all’esercizio di base.

Annunci